Visit Cremona
mercoledì 13 novembre 2019

la Società dei Militi

si risale al XIII secolo

la Società dei Militi
Si trattava di una società alla quale appartenevano i più ricchi ed eminenti abitanti della città e del suo territorio.
Da un antico scritto - a cura di Astegiano, Codex Diplomaticus Cremonae cit., doc. 111, pp. 215-217 - si legge che
"A Cremona, con la grande precocità che la contraddistingue, prima del 1210 si contrappongono già due forze politiche cittadine organizzate in società, come avverrà più tardi nelle altre città: i militi e il popolo.
Le lotte intestine provocano l`intervento del vescovo, che nel fare opera di pacificazione pronuncia un arbitrato; al di là delle disposizioni specifiche, pur interessanti per comprendere la dinamica politica cittadina, ciò che si vuole sottolineare è il riferimento alle famiglie popolari computate ormai fra i grandi consorzi nobiliari: ciò sta a significare che l`incremento raggiunto da famiglie originariamente non aristocratiche le aveva portate a imitare quel ceto maggiorente anche nella composizione familiare, al punto di farle considerare dall`opinione comune come famiglie ormai quasi del tutto «nobili».

In seguito venne costruito uno degli edifici più ineteressanti della Piazza del Comune, la Loggia dei Militi, luogo rappresentativo dove la società si riuniva per decidere le azioni da intraprendere.
Oggi la Loggia dei Militi rimane una delle emergenze storico architettoniche di notevole prestigio che si affaccia sulla piazza, cuore pulsante del centro storico cittadino.
©Intour Project - sant'Antonio di Gallura (OT) p.iva 02429980903 c.f. RCCBTS68D43B354H - tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK