Visit Cremona
venerdì 15 novembre 2019

Palazzo Stanga Trecco

di fronte alla chiesa di San Vincenzo

Palazzo Stanga Trecco
Il palazzo sorge di fronte alla chiesa di San Vincenzo ed è oggi sede dell’Istituto Agrario Stanga, che lo ricevette in dono dal marchese Ferdinando Stanga nel 1929.
Realizzato durante il Rinascimento, successivamente rimaneggiato più volte, fino all'ottocento, appartenne alla nobile famiglia Stanga. La facciata a due piani con rispettivi mezzanini risulta di gradevole gusto, gazze anche alle decorazioni richiamabili lo stile barocchetto.

Interventi architettonici in epoca rinascimentale del nobile Giulio Stanga, seguiti dal Rodi e poi dal Marchetti, diedero forma alla facciata caratterizzata dalle grandi finestre sagomate, alle arcate poli lobate poste nella zona centrale del piano nobile e ai profili curvilinei dei ferri battuti e delle cornici delle finestre.

Nel bel cortile prospiciente si apprezza una importante opera decorativa in cotto, di stile tipicamente cremonese. L'intervento del Rodi si evidenzia nello scalone neoclassico frontale, a duplice rampa, tra stucchi e nicchie con statue, valorizzato dalla cupola ellittica doppia che si impreziosisce della balconata fruibile.

La visita a Palazzo Stanga riserva interessanti spunti anche nella sua parte interna, con un salone dalla soffittatura in legno dorato, sale del piano nobile anch'essi caratterizzati dai soffitti con fondo oro sui quali sono affrescate opere di decoratori dell'ottocento.
Una sala invece ospita un letto a baldacchino sul quale, si dice, abbia riposato l'imperatore Napoleone Bonaparte che da il nome alla sala stessa, completa di arredi e tessuti originale neoclassici.
  • località: Cremona
  • indirizzo: Via Palestro 36
©Intour Project - sant'Antonio di Gallura (OT) p.iva 02429980903 c.f. RCCBTS68D43B354H - tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK